Astrazeneca: famiglia sporge denuncia dopo la morte di un 60enne per trombosi multiple

07/04/2021- Francia, una denuncia contro ignoti per ” omicidio colposo “è stata presentata dopo la morte in Alta Savoia di un uomo di 63 anni che ha sviluppato ” trombosi multiple ” a seguito di una prima iniezione di siero Astrazeneca. Non è la prima procedura che riguarda il vaccino Astrazeneca. La denuncia è stata presentata con urgenza questo martedi’ mattina, ha confermato Veronique Denizot della procura della Repubblica di Annecy, e potrebbe essere esaminata congiuntamente dalla procura di Parigi che sta indagando sul caso di un trentenne vaccinato morto a Tolosa e su quello di uno studente di medicina di 24 anni morto a Nantes. Secondo il quotidiano regionale Le Dauphiné Libéré, la denuncia è stata registrata il 2 aprile, due settimane dopo la morte, il 18 marzo ad Annecy, di questo sessantenne che aveva ricevuto la prima dose del controverso vaccino anti-covid. I famigliari hanno segnalato la tragedia all’Agenzia Nazionale per la sicurezza sui medicinali (ANSM), che ha ordinato ulteriori accertamenti per chiarire le cause della morte. Sicuri, che si possa stabilire un legame con la vaccinazione, i parenti della vittima vogliono che venga riconosciuta la morte come conseguenza dell’iniezione e che venga inclusa nel rapporto sugli effetti avversi di Astrazeneca. “In un giorno e mezzo, i problemi di salute si sono moltiplicati, trombosi su organi vitali, fegato, reni, cervello…poi è stato posto in terapia intensiva. E’ stato folgorante, testimonia il fratello in un video pubblicato dal quotidiano sul proprio sito web.

Fonte: lci.fr

 

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: