GUIDA DI SOPRAVVIVENZA PER PERSONE CON SINDROME DI ASPERGER: VIVERE FUORI CASA

guida sindrome asperger vivere fuori casaCapitolo 14 –  VIVERE FUORI CASA

• Potrete iniziare a vivere da soli per diverse ragioni, sia che si tratti di imparare ad essere indipendenti, oppure di frequentare l’ Università o di alloggiare in un ostello per una settimana o due per incontrare delle persone.

• Iniziate col mantenere una reputazione intatta. Per capire cosa intendo dire consultate il capitolo corrispondente: mantenere una reputazione intatta.

• Dovrete probabilmente diventare molto flessibili nelle vostre routine se volete sfruttare le opportunità per uscire. Inoltre, potrete attendere il vostro turno per poter usare la cucina in presenza di altre persone, oppure dovrete rinunciare a vedere il vostro programma preferito se gli altri stanno guardando un’altra cosa e c’e’ solo una televisione a disposizione.

• Le vostre routine potrebbero diventare difficili da gestire se fate un lavoro stressante oppure se partecipate a uno stage, in questo caso puo’ essere utile pianificare ogni settimana prima ( dedicare 20 minuti ogni domenica sera alla programmazione della settimana vi farà risparmiare tempo a lungo termine). Utilizzate un’ agenda.

• E’ molto importante sistemare cio’ di cui avete bisogno la sera, in modo da non dover correre la mattina quando si ha fretta di uscire per andare al lavoro.

• Bussate sempre alla porta e aspettate una risposta prima di entrare in una camera, in un ufficio o in qualsiasi altro posto, eviterete probabilmente di farvi insultare o cacciare.

• Avvertite sempre i compagni di stanza se vi allontanate per piu’ di 24 ore, altrimenti si preoccuperanno, anche se non sono le migliori persone con cui vivere. Se per qualsiasi motivo non riuscite ad avvisarli, almeno telefonate.

• E’ probabile che le persone si aspettino che tu faccia ogni tanto le pulizie di casa. Si chiama distribuzione equa dei compiti. E’ un lavoro di squadra che serve per tenere il luogo pulito e ordinato. A certi individui il disordine, anche igienico non da fastidio, ma ad alcune persone la confusione provoca disagio e pensano che tutti debbano fare la loro parte mettendo regolarmente le cose al loro posto. Se siete fortunati vivrete con persone che condividono il vostro atteggiamento. Inoltre, le persone che non amano il disordine sono piu’ propense a criticare ed è probabile che facciano commenti se non farete abbastanza spesso un bagno o una doccia.

• Potresti avere un modo di cucinare diverso rispetto agli altri. Agli occhi di alcune persone, questo non è un problema se non  lasci disordine e se mostri le buone maniere a tavola. Tuttavia, qualcuno potrebbe commentare e chiederti di fare le cose come gli altri. A te la scelta, se decidere di rimanere originale oppure di adattarti, rifletti sulle due opzioni.

• Prendi degli appunti mentali sulla maniera in cui gli altri cucinano, lavano i piatti, fanno le pulizie e le compere, probabilmente sei in grado di imparare velocemente i modi piu’ efficaci ed efficienti per fare queste cose da solo. Puoi trovare delle scorciatoie per non fare dei lavori aggiuntivi.

• Se hai del tempo libero, è probabile che tu sia capace di uscire e di fare la spesa nei negozi, per comprare gli ingredienti necessari per preparare un buon pasto. Se trovi una ricetta o le istruzioni sul lato della confezione, prova a seguirle piuttosto che non curartene. Inoltre, è meglio pianificare in anticipo quali sono gli ingredienti che potrebbero servirti in modo da comprarli al supermercato insieme al resto della spesa piuttosto che nel negozio all’angolo.

• Le persone non autistiche sono piuttosto brave a ricordare quali piatti, tazze, pentole o quale armadio appartiene agli altri. Cose di questo genere permettono di fare un lavoro investigativo e notare certe cose..

• Se le persone che condividono con voi l’appartamento fumano cannabis o usano altre sostanze illecite, non parlatene fuori dall’appartamento (vedere la nota “serate” per avere piu’ informazioni ).

• Se seguite le regole riportate nel capitolo sul linguaggio del corpo, è probabile che questo vi aiuterà a diventare persone con cui è piu’ facile vivere.

• Ricorda che probabilmente esiste una “ gerarchia “ nell’ appartamento della quale ognuno e consapevole, ma nessuno ne parla mai.

• E’ probabile che tu stia vivendo in un appartamento dove le persone sono cattive nei tuoi confronti, in questo caso è una buona idea trasferirsi altrove, ricominciando la convivenza con nuove persone e la reputazione intatta.

• Se siete in grado di stipulare un contratto di affitto. Fatelo controllare da un professionista prima di firmarlo oppure prima di trasferirvi in un nuovo appartamento.

Utilizzare un telefono

• Rispondere sempre al telefono con voce chiara, gentile, ma rilassata.

• Quando parliamo al telefono puo’ essere un vero sollievo sapere che il linguaggio del corpo e il contatto oculare non sono piu’ importanti, ma il tono della voce e la chiarezza del discorso sono molto rilevanti.

• Se qualcuno chiede di parlare con qualcun altro, chiedete educatamente “ Chi parla ? “. Prendete nota del nome e dite “ OK, vado a vedere se c’e’ ” . Questo darà la possibilità all’altra persona di chiedere “ Chi c’e’ al telefono ? “ e forse dire “ Rispondete che non sono in casa “ nell’eventualità che sia una persona con cui non vuole parlare.

• Se la persona che cercano non è in casa, vi potrebbero chiedere di trasmettere un messaggio. In questo caso, se pensate di non essere in grado di ricordarlo, annotatelo e lasciate il biglietto vicino al telefono.

• Per chiamare altre persone, non telefonate troppo presto la mattina o troppo tardi la sera. Questo puo’ significare per voi, essere molto molto pazienti. Se volete telefonare a qualcuno che vi piace e che avete incontrato la sera prima, è importante non chiamarlo subito. Lasciate passare almeno un giorno, perchè  potrebbe pensare che siete disperati.

Gli ospiti

• Quando ricevete la visita di un amico oppure vi recate a casa di qualcuno, o se vivete con un amico ci sono alcuni punti utili da sapere.

• E’ generalmente responsabilità di chi accoglie offrire qualcosa da bere. L’invitato non dovrebbe mai chiederlo.

• A volte, ti dovrai sforzare un po’ per far sentire gli invitati benvenuti.

• Cerca di evitare le situazioni nelle quali le altre persone si possono sentire “ accerchiate “, che sia fisicamente o verbalmente. Almeno fino a quando non le conoscete bene.

• Cercate di evitare di lasciare gli ospiti improvvisamente da soli.

• Sapere quando è arrivato il momento di salutare è un processo difficile per gli autistici, le persone possono notarlo e fare dei commenti qualche volta gentili oppure delle battute sul vostro modo di congedare le persone. Non riuscire a decodificare il messaggio presto, potrebbe provocare delle tensioni. Tuttavia, una risata o un sorriso possono rendere l’addio piu’ aggraziato.

Tradotto da Mondo Aspie, Fonte: Survival guide for Asperger

Annunci

Lascia un commento se ti va :

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...