Abilità autistiche

Buon Compleanno Aspie Greta Thunberg

Compie 18 anni Greta Thunberg e, fedele alla sua missione, come regalo vorrebbe che aumentassero nel mondo le persone che fanno di più per aiutare il pianeta. Ma confessa che anche dei fari nuovi per la sua bicicletta le farebbero piacere: «in Svezia fa buio molto presto». Niente vestiti invece, per l’impatto ambientale che hanno domanda e produzione di abbigliamento. Meglio piuttosto «riceverli in prestito» da chi ne ha tanti o, al limite, «comprarli di seconda mano». Sono passati ormai più di due anni, da quando nell’agosto 2018 Greta iniziò da sola il suo sciopero scolastico del venerdì per protestare davanti al Parlamento svedese contro lo scarso interesse dei leader per i cambiamenti climatici. In poco tempo altri si aggiunsero a lei e, già a marzo 2019, il numero di studenti che partecipavano alle manifestazioni del venerdì in tutto il mondo aveva raggiunto più di due milioni. Greta è stata la più giovane persona nominata per il premio Nobel per la Pace ed è stata scelta da Time come persona dell’anno. ha ricevuto il French Normandy Freedom Prize e il premio Ambassador of Conscience di Amnesty International. In meno di un anno dall’inizio della campagna “Fridays for Future”, Thunberg ha parlato al Parlamento europeo, incontrato Papa Francesco e si è rivolta alla Camera dei Comuni del Regno Unito. Nell’agosto 2019, è entrata nel porto di New York su una nave a zero emissioni di carbonio, completando un viaggio di quasi 14 giorni dalla Gran Bretagna per prendere parte al vertice delle Nazioni Unite sul clima. “Mi avete rubato i sogni, la mia infanzia con le vostre parole vuote”, ha detto nel toccante discorso che scosse le coscienze. “How dare you”, “Come avete osato e come osate continuare a guardare da un’altra parte?” Nel frattempo, il numero totale di persone in sciopero per il clima ha raggiunto la cifra di 3,6 milioni in 169 paesi. Durante la sua prima visita negli Stati Uniti, ha incontrato l’ex presidente Barack Obama, e si è rivolta al Congresso, dove ha detto loro di “svegliarsi” e “ascoltare la scienza”.  Nata a Stoccolma il 3 gennaio 2003, dalla relazione tra la cantante d’opera Malena Ernman e l’attore Svante Thunberg, a Greta è stata diagnosticata la sindrome di Asperger. “Un super potere”, come rivendicò la ragazza su Twitter identificando la sua “diversità” come una forza che l’aiuta nella sua battaglia. La sua storia è stata raccontata nel documentario I am Greta in cui Nathan Grossman la segue nel percorso che ha portato una ragazzina “nerd, vegana e animalista”, come si definisce lei stessa, a diventare un’icona per le nuove generazioni.