“Moi, Léa”: un film scritto e realizzato da una liceale Asperger, appassionata di ciclismo

“Moi, Léa”, il film diretto da una liceale Asperger appassionata di ciclismo. Il mediometraggio ( 52 minuti) girato quest’estate è ora proiettato sul grande schermo e disponibile su Youtube. Inès Bigonnet, sedicenne con la sindrome di Asperger ha intrapreso questo folle progetto per dare un’altra immagine dell’autismo.

Il diritto alla differenza
Attraverso questo primo film, Inès Bigonnet parla di un argomento che la tocca personalmente: ” La sindrome di Asperger “. Diagnosticata all’età di 13 anni, ha capacità intellettuali in diverse aree, ma problematiche nelle materie scientifiche. In classe è seguita da un insegnante di sostegno, un aiuto, ma anche un segno visibile della sua differenza che ha attirato derisioni e prese in giro da parte dei suoi compagni a scuola. Appassionata di mountain bike, attraverso il ciclismo ha trovato una forma di libertà.

“Moi, Léa ” , racconta la storia di un’adolescente appassionata di ciclismo, la cui famiglia ha subito gravi difficoltà finanziarie dopo la morte del padre. Lea trova un annuncio che parla di una gara ciclistica con una grossa somma di denaro in gioco, che puo’ aiutarla a rimborsare i debiti.

Moi, Léa, è soprattutto un film sul diritto alla diversità che tratta con semplicità temi importanti. “Ho una forma meno grave di autismo, volevo spiegare che non è perché sono autistica che non sono divertente e non posso inserirmi in un gruppo e fare le stesse cose che fanno gli altri ragazzi. “, dice l’adolescente.

Una fiction personale e famigliare

Per completare il suo progetto, la regista in erba è stata aiutata da Aurélien Quillet, un’ex studentessa di cinema toccata dalla sua storia e dalla sua lotta. “Non avrei mai avuto l’audacia di fare un film a sedici anni”, dice. Un aiuto prezioso per Inès che ha coinvolto tutta la sua famiglia nell’avventura: “È un vero progetto che ha guidato, sia finanziariamente che in termini di organizzazione delle riprese. Devo ammettere che sono rimasto abbastanza sorpreso nel vederla gestire tutto questo ”, dice con orgoglio suo padre. Nel casting troviamo i suoi amici e il suo fratellino che è felicissimo dei “bei momenti passati con la sorella”, e afferma di aver scoperto “la passione per il cinema”. Per finanziare il suo film, Inès ha organizzato una raccolta fondi online. La ragazza ha già altri progetti, un regista le ha chiesto di fare l’ assistente di produzione in un lungometraggio. In futuro, però, non è nel mondo del cinema che Inès vorrebbe lavorare, ma in quello dell’altra sua passione: il canto.

” Moi, Léa” è disponibile integralmente su Youtube in lingua francese

Tradotto e riadattato da Mondo Aspie, fonte: francetvinfo.fr

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: