Autismo e fotografia: Gli scatti di una mamma sull’invisibile mondo del figlio autistico

capire stanley autismo fotografiaQuesto è un libro fotografico sull’autismo con una lieve ma importante sfumatura: lo racconta com’è e non come dovrebbe essere trattato. Rosie Barnes è la mamma del ragazzo autistico protagonista delle potenti immagini di ‘Understanding Stanley’. Ha pubblicato il suo lavoro autonomamente, con l’aiuto dei social e il supporto di esperti sia nel campo dell’autismo che in quello fotografico. Le foto descrivono in modo disarmante, perché semplice, momenti quotidiani della vita di Stanley, dai 18 mesi ai 15 anni: solo sull’altalena oppure davanti al vetro di un finestrino sul treno. “Ho cercato di autismo fotografia capire Stanleyrendere visibile l’invisibile – racconta Rosie –  Quando i medici hanno diagnosticato l’autismo a mio figlio, ho subito capito che la totale invisibilità della sua sindrome era la sfida più grande che avrei dovuto affrontare.” Le foto sono accompagnate da osservazioni e citazioni di professionisti e addetti ai lavori che hanno applaudito al lavoro di Rosie. E si accompagnano ad altre immagini simboliche che cercano di restituire le emozioni e il senso di isolamento dei bambini autistici.

Fonti: repubblica.it, Rosiebarnes.com, 

“Echolilia”, Un papà fotografo cattura il mondo del figlio autistico attraverso un progetto emozionante

Di fronte a una diagnosi di autismo i genitori si trovano spiazzati e disarmati. Per combattere contro questa impotenza e frustrazione, Timothy Archibald fotografo di San Francisco ha trovato il modo di comunicare con il figlio autistico Elijah tramite un progetto dal valore documentario, carico di emozioni e assolutamente mozzafiato.

timothy archibald autismo

Padre e figlio collaborano insieme per ottenere delle foto belle: “Abbiamo avuto un sentimento reciproco di scoperta” dice il padre.

Photos from the series Echolilia Archibald, ha iniziato a fotografare suo figlio dall’età di 3 anni per scopi informativi, mostrava le immagini agli specialisti comportamentali per avere riscontri sulla diagnosi di autismo di Elijah. Voleva mostrare i suoi comportamenti, catturando l’essenza di alcuni suoi rituali ripetitivi, comuni anche ad altri bambini che soffrono di autismo. La serie mostra il bambino che si dondola sul bordo del divano, oppure sdraiato sull’erba in giardino o mentre ascolta musica per una giornata intera. Immagini commoventi ed emozionanti. Padre e figlio attraverso “Echolilia” comunicano utilizzando un proprio linguaggio visivo. archibald elijah autismo Il lavoro che Timothy ha deciso di condividere attraverso il suo sito web e la pubblicazione di un libro, è uno sguardo su una parte intima della loro vita. Un prezioso contributo che ci offre spunti di riflessione sull’autismo.

echolilia autismo timothy archibald