Autismo talenti: Bambino autistico disegna a memoria mappa del mondo perfetta

bambino autistico disegna mappa del mondo perfettaIl figlio autistico di una professoressa dell’Università di New York, invitato a seguire una lezione dalla madre, ha stupito tutti gli studenti presenti in aula disegnando a mano libera e col solo ausilio della propria memoria una mappa raffigurante tutto il pianeta in maniera incredibilmente precisa.

Come racconta il sito Bored Panda,  ci troviamo a New York, in una classe universitaria come tante altre. Per un bambino autistico di 11 anni, però, oggi è un giorno molto speciale: sua madre, insegnante, lo ha invitato a seguire una delle sue lezioni.

Quello che accade durante la lezione lascia sbalorditi sia la madre-professoressa che i suoi studenti: il ragazzino improvvisamente si mette in piedi su una sedia ed inizia a disegnare, completamente a mano libera e ricorrendo solamente alla propria memoria, una perfetta riproduzione del pianeta con annessi gli Stati che lo compongono e i confini che li dividono gli uni dagli altri.

bambino autistico disegna mappa del mondo perfetta.jpg 1

Una studentessa, colpita dalla performance del figlio della sua insegnante, scatta una foto all’opera completa; dopo qualche ora la mostra a suo padre e l’uomo decide di condividerla col web tramite Reddit . “Sono stato semplicemente folgorato” – ha commentato.

La foto condivisa da migliaia di persone e diventa  un fenomeno virale.

Fonte: Boredpanda.com, Huffingtonpost.it

Autismo e fotografia: Gli scatti di una mamma sull’invisibile mondo del figlio autistico

capire stanley autismo fotografiaQuesto è un libro fotografico sull’autismo con una lieve ma importante sfumatura: lo racconta com’è e non come dovrebbe essere trattato. Rosie Barnes è la mamma del ragazzo autistico protagonista delle potenti immagini di ‘Understanding Stanley’. Ha pubblicato il suo lavoro autonomamente, con l’aiuto dei social e il supporto di esperti sia nel campo dell’autismo che in quello fotografico. Le foto descrivono in modo disarmante, perché semplice, momenti quotidiani della vita di Stanley, dai 18 mesi ai 15 anni: solo sull’altalena oppure davanti al vetro di un finestrino sul treno. “Ho cercato di autismo fotografia capire Stanleyrendere visibile l’invisibile – racconta Rosie –  Quando i medici hanno diagnosticato l’autismo a mio figlio, ho subito capito che la totale invisibilità della sua sindrome era la sfida più grande che avrei dovuto affrontare.” Le foto sono accompagnate da osservazioni e citazioni di professionisti e addetti ai lavori che hanno applaudito al lavoro di Rosie. E si accompagnano ad altre immagini simboliche che cercano di restituire le emozioni e il senso di isolamento dei bambini autistici.

Fonti: repubblica.it, Rosiebarnes.com, 

Autismo: sindrome di Asperger, bambino di 9 anni regala animali di peluche (video)

asperger bambino hudsonGiugno 2014. Fishers. Indiana.  Un bambino di 9 anni ha donato degli animali di peluche alle ambulanze del suo paese.

Con l’aiuto del capitano dei Vigili del fuoco e della sua mamma, Hudson Miles tramite una pagina Fb ha raccolto 160 dollari per comprare degli animali di peluche da donare alle ambulanze del suo paese. Hudson, è rimasto colpito da un articolo pubblicato su un giornale che sottolineava la paura dei bambini quando si tratta di entrare nelle ambulanze, ha quindi pensato che forse simpatici pupazzetti avrebbero dato conforto ai bimbi spaventati.  La mamma, Angie è felice.  Questo gesto, è raro per un ragazzino con la sindrome di Asperger, perché dimostra preoccupazione per gli stati d’animo altrui. Infatti,  una delle caratteristiche principali  della sindrome è proprio la mancanza di empatia. Hudson attualmente frequenta (35 ore settimanali)  con grandi risultati il Little Star Center di Carmel specializzato in ABA ( Applied Behavior Analytics ).

Autismo: Hélios, 9 anni autistico Asperger e virtuoso del pianoforte ( video )

Maggio 2014.

Hélios è un pianista virtuoso dalla memoria eccezionale. Compone musica con la maturità di un adulto.

Hélios ha 9 anni e una forma di autismo chiamata sindrome di Asperger che rende la sua vita sociale particolarmente complicata,  per questo Hélios ha trovato la sua dimensione nella musica, e piu’ precisamente nel pianoforte.  Questo ragazzino è un virtuoso non ha mai preso lezioni di solfeggio e di pianoforte. A 3 anni era già in grado di riprodurre piccoli brani, con la mano destra eseguiva la melodia e con la mano sinistra improvvisava accordi. Hélios è impressionante, suona ad una velocità incredibile e lo fa in modo naturale. Tutto cio’ è molto affascinante e un po’ inquietante. E’ in grado di eseguire brani con facilità,  a differenza di alcuni pianisti  che impiegano anche piu’ di 10 anni per averne la padronanza.

Autismo Stati Uniti: 1 bambino su 68 è autistico

autismo statistiche 2014 3Secondo l’ultima stima resa pubblica giovedi’ 27 marzo 2014 dalle autorità sanitarie, un bambino su 68 è autistico negli Stati Uniti. Una cifra che è aumentata del 30% rispetto al rapporto del 2012. Due anni fa, 1 bambino su 88 soffriva di disturbi dello spettro autistico, ricorda il rapporto dei Centri Federali del controllo e della prevenzione delle malattie (CDC). La stima presentata giovedi’  è di 14,7 bambini di 8 affetti da questa sindrome per 1000 bambini, precisano i Centri Federali.

CINQUE VOLTE PIU’ FREQUENTE NEI MASCHI

La distribuzione geografica del numero di bambini autistici è irregolare, e va da 1 bambino su 175 in Alabama (sud), a 1 su 45 nel New Jersey (nord-est). Queste cifre continuano a mostrare che l’autismo è quasi cinque volte piu’ frequente nei maschi rispetto alle femmine, con 1 maschio su 42, contro 1 femmina su 189. Ci sono anche piu’ bambini bianchi autistici rispetto a bambini di colore e ispanici, cita il rapporto dei CDC. Le capacità intellettive variano molto tra i bambini, e vanno da gravi deficit intellettivi a un’intelligenza media o al di sopra. Lo studio mostra che la proporzione di bambini autistici con un QI molto elevato è aumentata.

LA DIAGNOSI PRECOCE FA LA DIFFERENZA

Quasi il 50% dei giovani autistici ha un quoziente intellettivo medio (85) o al di sopra. 10 anni fa erano solo il 30% . Il rapporto rivela che la maggior parte dei bambini autistici sono diagnosticati  dopo i 4 anni, nonostante questa sindrome puo’ essere già individuata dai 2 anni di età. “Dobbiamo fare di piu’ per diagnosticare questi bambini prima “, sottolinea la Dott.ssa Coleen Boyle, direttrice del centro nazionale dei difetti della nascita e degli handicap dello sviluppo dei CDC. ” La diagnosi precoce dell’autismo è lo strumento piu’ efficace di cui disponiamo attualmente e puo’ fare la differenza nella vita di questi bambini ”

Tradotto da Mondo Aspie, fonte lemonde.fr

Autismo: bambino Asperger salva la mamma da un incendio

bambino aspeger autismo nickNick DiVito, un bambino Asperger di 9 anni ha ricevuto un riconoscimento da parte dei Vigili del Fuoco del Dipartimento di Depford per aver salvato la sua mamma da un incendio in casa.
La mamma:  “è stato un miracolo, Nick è il mio eroe !”

Nick, che ha la sindrome di Asperger  si è svegliato verso le 07:15 la mattina del 21 novembre e si è accorto che un grande ventilatore nella stanza aveva preso fuoco.

Mamma Jackie che si sveglia sempre presto, quel giorno è rimasta nel letto addormentata e ad un certo punto ha sentito Nick gridare: ” Mamma ! Fuoco ! ”

“Se Nick non fosse stato lì in quel preciso momento, la mia casa sarebbe andata in fiamme . Questa non è stata una coincidenza. Questa è stata una benedizione “, ha dichiarato la madre.

Nick ha detto: ” mi sono ricordato della lezione sulla sicurezza antincendio che aveva seguito a scuola.  Ho mantenuto la concentrazione, ho cercato di non urlare e mi sono ricordato di restare calmo e di accompagnare tutti fuori di casa “.

La mamma di Nick ha telefonato al 911 e nel frattempo è riuscita a spegnere il fuoco.

Il comandante Robert Burkhardt ha dichiarato che Nick ha eseguito la procedura che aveva imparato durante la formazione antincendio per la gestione dell’emergenza nel modo giusto. ” Le sue azioni hanno impedito danni a se stesso e alla sua mamma”.

” Sono molto orgoglioso di Nick e del suo comportamento, impressionante per un bambino di 9 anni,  e soprattutto per lui che ha un disturbo dello spettro autistico “.

Tradotto e riadattato da Mondo Aspie, Fonte: nj.com

Autismo: bambino Asperger di 10 anni è senza amici, la mamma ne trova 900.000 grazie a Facebook

colin autismo pagina facebookLa mamma di un bambino del Michigan, che non ha amici da invitare alla sua festa di compleanno, ha creato una pagina Facebook  il 2 febbraio 2014, che oggi conta piu’ di 900.000 likes. Colin è un bambino di 10 anni, che ha la sindrome di Asperger. Jennifer, la sua mamma ha il cuore spezzato. Colin, gli ha parlato della sua festa di compleanno che non potrà festeggiare perché è senza amici. Questo bambino non è molto socievole e non è molto amato a scuola, dove consuma il suo pasto tutti i giorni da solo. La mamma vuole dimostrare a Colin che ci sono delle persone lo pensano !. Cosi’ ha creato una pagina Facebook  ” Happy Birthday Colin “, con la speranza di ricevere qualche messaggio di auguri, la vicinanza, i commenti positivi e parole d’incoraggiamento sono meglio di una festa di compleanno. Quello che è successo ha dell’incredibile, da ogni parte del mondo molte persone si sono mobilitate per fargli vivere un compleanno veramente speciale.  Colin, non è ancora  al corrente della pagina e non sa di avere cosi’ tanti amici  !

Buon Compleanno, Colin ! Sorpresa !

 

 

Autismo talenti: Christopher Duffley, un bambino formidabile ( Video )

christopher duffley autismo talentiFebbraio 2014 – Christopher Duffley è un bambino sorprendente con un dono di Dio incredibile per la musica ! Nato prematuro nel mese di maggio 2001, cieco e autistico, Christopher è stato adottato. I genitori biologici di Christopher sono risultati positivi ai test dell’ossicodone e della cocaina, e questo ha contribuito alla sua nascita prematura. Venne ricoverato per sette mesi, pesava meno di due chili, è nato cieco e con una miriade di problemi di salute. Inizialmente collocato in affidamento, la zia e lo zio di Christopher hanno avviato le procedure per adottarlo. All’età di due anni, come se non bastassero i problemi di salute, Christopher non parla e in seguito verrà diagnosticato autistico. Malgrado le difficoltà, i genitori adottivi (che sono devoti cristiani), non hanno perso la speranza o rinunciato alla loro fede. E mentre gli anni passavano hanno scoperto che Christopher mostrava un impressionante talento principalmente verso la musica. Oggi Christopher si esibisce in tutto il mondo, nelle chiese, nelle manifestazioni sportive e in altri eventi. La storia dei Duffley è una testimonianza incredibile che dimostra come in situazioni difficili, ci possono essere anche grandi ricompense nonostante gli ostacoli  e il dolore. Scoprite nel video qui sotto,  la performance dell’anno scorso,  Christopher canta ” Apri gli occhi al mio cuore ” in una chiesa.

Tenete i fazzolettini a portata di mano, e che Dio apra gli occhi del cuore alle persone che vedono questi bambini come un peso. Sono semplicemente dei regali molto speciali.

Il sito di christopherduffley.com

Tradotto e riadattato da Mondo Aspie, fonte: lechoixdepv.tv

 

Autismo e sport: Il calciatore e il bambino autistico, la storia che ha commosso la Svezia

Ottobre 2013 . Una settimana fa, alla Firends Arena di Solna, nella contea di  Stoccolma, si è disputato un incontro valido per le qualificazioni ai  Mondiali 2014 tra Svezia e Germania, terminato 5-3 per la nazionale  tedesca. Sette giorni dopo la rete celebra il vero “spettacolo” di  quella partita: l’ingresso in campo delle due formazioni, accompagnate  da 22 giovani mascotte affette dalla sindrome di Williams, un raro  disturbo dello sviluppo caratterizzato da comportamenti autistici. In  particolare stanno facendo il giro del web le immagini che hanno per  protagonista il calciatore svedese Kim Kallstrom, che rassicura e abbraccia il piccolo Max (con indosso la divisa della Germania) nei  minuti che precedono l’inizio del match.
Il papà del bambino, Emil, ha  ringraziato il giocatore con una lettera commovente che poi è stata pubblicata su Facebook: “Grazie al tuo comportamento – scrive Emil – mio figlio è riuscito a provare le stesse emozioni degli altri: orgoglio e la sensazione di essere speciale. Ti sto scrivendo perché non sono del tutto sicuro che tu abbia capito quello che hai fatto per noi. Martedì Max è riuscito a fare qualcosa di speciale:  mantenere la concentrazione per 15 minuti senza alcun accenno di  nervosismo”. Queste righe sono state condivise su Facebook più di 17mila  volte e hanno raccolto quasi 100mila “mi piace”. Fonte: Repubblica

bambino autismo calciatore campo svezia

bambino calciatore autismo svezia

“Echolilia”, Un papà fotografo cattura il mondo del figlio autistico attraverso un progetto emozionante

Di fronte a una diagnosi di autismo i genitori si trovano spiazzati e disarmati. Per combattere contro questa impotenza e frustrazione, Timothy Archibald fotografo di San Francisco ha trovato il modo di comunicare con il figlio autistico Elijah tramite un progetto dal valore documentario, carico di emozioni e assolutamente mozzafiato.

timothy archibald autismo

Padre e figlio collaborano insieme per ottenere delle foto belle: “Abbiamo avuto un sentimento reciproco di scoperta” dice il padre.

Photos from the series Echolilia Archibald, ha iniziato a fotografare suo figlio dall’età di 3 anni per scopi informativi, mostrava le immagini agli specialisti comportamentali per avere riscontri sulla diagnosi di autismo di Elijah. Voleva mostrare i suoi comportamenti, catturando l’essenza di alcuni suoi rituali ripetitivi, comuni anche ad altri bambini che soffrono di autismo. La serie mostra il bambino che si dondola sul bordo del divano, oppure sdraiato sull’erba in giardino o mentre ascolta musica per una giornata intera. Immagini commoventi ed emozionanti. Padre e figlio attraverso “Echolilia” comunicano utilizzando un proprio linguaggio visivo. archibald elijah autismo Il lavoro che Timothy ha deciso di condividere attraverso il suo sito web e la pubblicazione di un libro, è uno sguardo su una parte intima della loro vita. Un prezioso contributo che ci offre spunti di riflessione sull’autismo.

echolilia autismo timothy archibald

Autismo vergogna Italia: Bambino autistico in classe, genitori ritirano i figli dalla scuola

bambino autistico scuolaVia dalla classe con il bimbo autistico: scoppia il caso a Mugnano

23 settembre 2013. Bimbo  autistico in classe, i genitori dei compagni di classe chiedono il cambio di  sezione per i propri figli. La preside si oppone e allora ottengono il nulla  osta per il trasferimento in un altro istituto. Accade a Mugnano di  Napoli dove già sei ragazzi su 20 della scuola elementare ‘Sequino’  sono andati via.   La vicenda scatena polemiche mentre il direttore scolastico regionale, si legge in una nota dell’Ansa,  acquisisce la relazione della dirigente dell’istituto e si dice pronto a inviare  altri docenti di sostegno se servirà a riportare la situazione alla normalità. E  il ministro dell’istruzione Maria Chiara Carrozza si dice  solidale con la famiglia dell’alunno e con il dirigente scolastico “con il quale  – precisa – ho un appuntamento telefonico domani per approfondimenti”.

“Vogliamo capire meglio quello che è accaduto – ha aggiunto – ma la soluzione  non può essere quella di cambiare sezione perché c’è in classe uno studente  disabile. Questi sono episodi spiacevoli sui quali servirebbe anche un serio  dibattito pubblico perché certi comportamenti danneggiano gli italiani e la  scuola tutta”.

I genitori che hanno chiesto il trasferimento per i propri figli hanno tenuto  a sottolineare che non si tratta di alcuna forma di discriminazione, ma solo di  preoccupazione per le ripercussioni sotto il profilo didattico e la  impossibilità di portare avanti alcuni programmi per effetto della presenza di  uno studente con problemi.

Il direttore scolastico regionale, Diego Bouchè ha precisato  però che “la scuola è integrazione, è vivere tutti insieme e bene ha fatto la  dirigente scolastica a non acconsentire al trasferimento in altre sezioni degli  alunni”, dicendosi anche “disponibile ad autorizzare altri docenti di sostegno  se me ne verrà documentata la necessità, sempre nell’ottica di venire incontro  alle esigenze della scuola”.

In campo scende anche l’associazione ‘Tutti a scuola’,  particolarmente battagliera sul fronte dell’integrazione dei disabili e che nei  giorni scorsi ha sollecitato l’intervento delle istituzioni incontrando, in  piazza Montecitorio, il presidente della Camera, Laura Boldrini. Il pensiero in  questo momento è alla famiglia del ragazzo autistico che sta provando una  “grande sofferenza”. Ma Toni Nocchetti, promotore dell’associazione, si rivolge  anche ai genitori degli alunni andati via. “Non sanno di avere in classe  qualcuno che è una risorsa per i loro ragazzi. Io, che non ho figli disabili, so  quanto possano arricchirsi dal fatto di non essere soli”. Interrogativi anche  sulla preparazione della scuola stessa di fronte a questi problemi: “L’ingresso  di quel ragazzo era stato preparato come sarebbe dovuto essere? Si è fatta una  riunione per far incontrare i genitori e chiarire tutto ? “.

Intanto dal PD di Mugnano arriva la richiesta di dimissioni per il  sindaco: “Giovanni Porcelli – dichiara il partito – conosce  perfettamente l’identità dei responsabili delle pressioni (nella vicenda dei  genitori che hanno chiesto il trasferimento di sezione per i propri piccoli  sarebbe coinvolto anche un politico locale n.d.r.). I nomi girano per tutto il  paese, mentre il sindaco finge di non sapere. Siamo fortemente scettici sulle  capacità di questo sindaco di prendere decisioni forti, soprattutto rispetto  alle persone che lo circondano. Per noi è responsabile, e deve dimettersi.  Vogliamo essere pratici chiediamo urgentemente, nel prossimo consiglio comunale  di giovedì, che venga invitata l’assessore al ramo alla pubblica istruzione Anna  Iacolare a relazionare su quanto è accaduto al fine di prendere provvedimenti  urgenti, una volta conosciuti dettagliatamente i fatti nella loro pienezza. Se  si accertasse l’identità di chi ha influenzato il dirigente scolastico Chieffo,  bisognerà denunciarli prontamente ai Carabinieri. Se non si è capaci di tutelare  nemmeno il dirigente di una scuola elementare di fronte a questo tipo di  pressioni, figuriamoci di fronte a quelle ben più forti legate ai settori  economici più importanti dell’Ente”.

Fonte: Napolitoday.it

Ricerca: La mutazione di un solo gene puo’ bloccare lo sviluppo del bambino

syngap1 mutazione sviluppo bambinoSecondo una ricerca pubblicata sul Journal of Neuroscience, la mutazione del gene SYNGAP1 potrebbe bloccare lo sviluppo del bambino. Lo studio dello Scripps Research Institute mostra che la mutazione di un gene unico durante la fase dello sviluppo infantile puo’ causare per tutta la vita disturbi del comportamento e cognitivi, e descrive come la perdita di una sola copia di un gene puo’ perturbare un meccanismo vitale, responsabile delle ” finestre di plasticità ” in cui si sviluppano le connessioni neuronali.
Lo studio condotto dal professore Gavin Rumbaugh sui topi, mostra come la perdita di una sola copia di un gene vitale puo’ provocare lo sviluppo prematuro di alcune sinapsi nelle prime settimane di vita. Questa maturazione accellerata rompe l’equilibrio necessario durante il periodo critico dello sviluppo cerebrale precoce, l’equilibrio tra l'”eccitabilità” delle cellule cerebrali nell’ippocampo, una regione del cervello essenziale per la memoria e la loro inibizione. Questo squilibrio puo’ portare a problemi di tipo cognitivo e comportamentale per tutta la vita.
Questa interruzione di un solo gene (regolatore delle sinapsi), SINGAP1, noto perché causa nell’uomo una forma devastante di deficit intellettuale e aumenta il rischio di autismo, indurrà la perturbazione dello sviluppo del cervello e degraderà i periodi critici della plasticità, vale a dire il miglioramento delle connessioni neuronali. Un meccanismo in gran parte responsabile e indispensabile per lo sviluppo cerebrale e la maturazione della percezione, del linguaggio e delle capacità cognitive.
La maturazione precoce delle sinapsi sembra ridurre la plasticità del cervello negli stadi critici dello sviluppo. Questa maturazione accellerata interviene all’inizio dello sviluppo della corteccia, che corrisponderebbe ai primi due anni di vita del bambino. Prevenire i danni causati dalle mutazioni del gene SYNGAP1 con un intervento prima della mutazione che causa dei danni cerebrali, permetterebbe di evitare i disturbi cognitivi collegati a un deficit della plasticità del cervello.

Fonte: Journal of Neuroscience 19 June 2013 doi: 10.1523/JNEUROSCI.0765-13.2013 SYNGAP1 Links the Maturation Rate of Excitatory Synapses to the Duration of Critical-Period Synaptic Plasticity (Visuels NIH- Synaptic and Developmental Plasticity Interest Group: vignette « Synapse »@ A. Buonanno et visuel K.Pelkey)
Tradotto e riadattato da Mondoaspie, fonte Blog.santelog.com