Autismo: Luc, autistico Asperger, lavoratore e padre di famiglia

asperger lavoro famigliaMarzo 2014 – Luc Filopon, recentemente diagnosticato autistico Asperger ha accettato di raccontare il suo percorso e le conseguenze della sindrome sulla sua esistenza e sugli incontri che possono cambiare una vita. Testimoniano la sua datrice di lavoro e sua figlia. Immersione in una terra sconosciuta ! L’annuncio della diagnosi è di appena 15 giorni. A 47 anni, Luc Filopon, carrozziere, ha scoperto di essere un autistico Asperger ad alto funzionamento. E’ una piccola rivoluzione  che inizia. ” Non sono piu’ una briciola, uno scarto, un rifiuto, un invisibile ma AA+, autistico Asperger come dicono gli specialisti”. E spera di potersi riconoscere presto in questa nuova identità. Il primo contatto, ha luogo sul posto di lavoro di Luc, al garage Renault de la Vallée, nel comune di Domène. La sua datrice di lavoro, Isabelle Quero, mi propone di incontrarlo nel suo spazio, ” il settore di Luc “.  “Qui, è lui che mette a posto tutto, e sa dove sono le cose (…) Noi non abbiamo il diritto di toccare niente. Nemmeno mio marito  osa ! “. Camminiamo tra le auto, in mezzo all’odore dei solventi, arriviamo nel suo ufficio. Luc, che indossa una tuta grigia, si alza. Isabelle me lo presenta e molto educatamente, mi saluta. Di origini antillesi, snello, viso allungato, i capelli corti, l’uomo ha lo sguardo dritto dietro i suoi occhiali. Disteso, sorride e scherza con la sua principale. Mi mostra la foto della sua ex moglie e dei suoi figli, Anaïs, Romain e Maëlle, attaccata al muro. Un legame è stabilito. Possiamo intrattenerci con lui. Molto rapidamente, si confida. “Se avessi saputo del mio autismo trent’anni fa, penso che sarebbe stato peggio. Non sarei mai riuscito a trovare un lavoro”. Aggiunge in tono secco : ” E mi avrebbero gettato come un rifiuto nel recinto della psichiatria”.

” Non avevo coscienza della mia diversità “

Da piccolo in Martinica, Luc amava frequentare le librerie, a scuola, restava da solo nel suo angolo. ” Ho avuto un amico durante l’adolescenza, abbiamo condiviso la bici da corsa “. In genere, si ricorda, “non  provavo niente, quando qualcuno della mia famiglia moriva “. E quando suo padre picchiava sua madre o lui stesso era maltrattato, provava poche emozioni. Mi fissa  con uno sguardo franco, e prosegue : ” sai, quando vivi la lenza, non ti piace nessuno “. I suoi genitori gli avevano proibito di parlare il creolo, e lui rispettava scrupolosamente questa regola. Al liceo, è soprannominato il Francese. Dopo qualche anno, è dichiarato disabile per via di una sordità parziale che gli impedisce di sentire negli acuti. Pertanto, nessuno si sorprenderà del suo comportamento e non cercherà ulteriormente. La sua singolarità, come i passaggi depressivi cronici, verrà interpretata come una conseguenza diretta della sua disabilità. Da parte sua, spiega che non aveva coscienza della sua diversità. ” Facevo le cose in maniera differente perché non volevo essere come gli altri ma non sapevo che fosse problematica, una difficoltà che mi avrebbe causato dei problemi nella società e nel mondo del lavoro  “.

” Sono fiera di mio padre “

In seguito alla separazione dalla sua ex moglie, fine 2000, Luc fa mettere i suoi figli presso delle famiglie affidatarie, a causa della ” grave depressione della loro madre “. Qualche anno dopo la sua ex moglie morirà. Nel 2011, tenta di riacquisire la custodia dei figli che verrà rifiutata. ” Non è stato capito dai servizi sociali e dalla giustizia ” , dice Isabelle Quero che lo conosce bene. ” All’epoca non aveva una diagnosi di autismo. L’hanno sopposto ad una perizia giudiziaria. Risultato: gli hanno attribuito dei disturbi della personalità (…) . Penso che si è impegnato troppo, voleva rispondere bene alle domande. E questo alla fine non è servito a niente. Luc, è molto emotivo e mette la sua maschera quando la situazione diventa difficile. per conoscere qualcuno come lui, ci vuole del tempo. E le amministrazioni non hanno tempo. E forse, sono anche troppo rigide nei confronti delle persone che non rientrano negli standard “. Diventata maggiorenne, Anais la figlia piu’ grande di Luc, ha scelto di tornare a vivere con lui.” Sono molto orgogliosa di mio padre, nonostante il suo carattere particolare. E’ vero che ci ricorda sempre le regole ma ha una grande intelligenza (…) Con mio padre posso parlare di qualsiasi cosa, oggi non è piu’ depresso, e rido con lui di tutto e di niente. Gli dico spesso che è la mia piccola mamma (…). Mi ha aiutato molto sapere chemio padre ha la sindrome di Asperger. Capisco meglio i suoi comportamenti. E questa è una forma di riconoscimento della sua grande intelligenza “.

asperger lavoro 1

” Mi hanno tenuto con un salario minimo per  oltre 20 anni “

A 18 anni, con due attestati di formazione in – preparazione e verniciatura in carrozzeria –  Luc entra nel mondo del lavoro attraverso un tirocinio. ” Il mio percorso professionale è stato caratterizzato da incomprensioni dovute al mio modo di essere “. Assunto con un salario minimo per oltre vent’anni, precisa che all’epoca i suoi colleghi di lavoro tutti i giorni lo prendevano in giro, lo criticavano e lo insultavano. Senza contare gli insulti razzisti e le violenze fisiche che ha subito. ” Ho informato l’ispettorato del lavoro e la Polizia ma non hanno fatto molto “. La sua datrice di lavoro attuale si è fatta un’idea. ” Penso che sia stato assunto in  base alle  quote di disabilità imposte alle aziende. E poi l’hanno lasciato vegetare nelle posizioni di lavoro piu’ basse ( …) Ha anche subito, da quello che so, dei maltrattamenti, perché era sordo, perché non era bianco e perché aveva delle difficoltà legate alla sua disabilità. E conosciamo l’impatto che cio’ puo’ avere in certi ambienti ” .

” Si è presentato come un po’ lento “

Tutto è cambiato il giorno in cui la Camera del lavoro e dell’artigianato ha proposto la candidatura di Luc al garage della Vallée, Isabelle Quero, precisa che il suo CV corrispondeva al loro livello di aspettativa. ” Abbiamo chiesto solo qualche informazione in piu’ sulla sua sordità. E lui stesso si è presentato come un po’ lento. Quanto a noi, non abbiamo capito molto sulla sua lentezza, e gli abbiamo proposto di fare una prova ” spiega. Informato sulla sfida che avrebbe affrontato, cioè lavorare in completa autonomia, ha superato tutte le difficoltà. ” oggi, è un verniciatore carrozziere eccellente “, assicura Isabelle Quero. Certamente, Luc è differente. ” Per molto tempo ci ha chiamato Signor Serge e Signora Isabelle. Nel montaggio sa di essere lento e a volte si blocca su certi aspetti per il bene della perfezione. Si focalizza molto sui dettagli. Non ama fare pause e detesta le vacanze “. ” Le sue particolarità ci hanno obbligato ad aprire la mente.  A volte, ha bisogno di un decodificatore per capire la gente. E noi, e per noi serve un doppio decodificatore in rapporto al suo autismo e alla sua sordità “, precisa sorridente. ” Per noi, Luc è un impiegato come gli altri e i suoi colleghi di lavoro sono al corrente della sua condizione “.

” Luc è atipico, e anche noi a modo nostro “

Isabelle ricorda la frase di un consigliere dell’Associazione per gli adulti e giovani disabili, un mese dopo l’integrazione di Luc nella loro impresa : ” Ma cosa gli avete fatto per renderlo cosi’ sorridente ? “. ” Dico sempre che ci siamo trovati. Luc è atipico come carrozziere e noi siamo un po’ atipici in questo mestiere “. Lei era destinata all’insegnamento. E suo marito era un meccanico d’aviazione.  ” Luc, doveva trovare persone come noi e noi una persona come lui (…) Per esempio, tempo fa ci siamo trovati in difficoltà finanziarie, Luc è venuto da noi e ci ha proposto di abbassarsi lo stipendio per sei mesi “. ” Fin dall’inizio, ho sospettato che fosse autistico “, dice Isabelle Quero. E quando Luc, mi ha confidato che il suo psichiatra gli aveva consigliato di sottoporsi ai test per la diagnosi della sindrome di Asperger, l’ho incoraggiato.  ” Da quindici giorni ha la diagnosi, e credo che il fatto di avere un nome per la sua diversità lo aiuterà a capire le cose, anche se non potrà risolvere tutto “. Isabelle precisa che Luc ha una cultura notevole, legge molto e visita i musei.

aspie lavoro famiglia

 

” La società deve ascoltare gli invisibili “

E’ nell’ottobre 2012 che Luc ha una rivelazione. Assiste ad una conferenza dal titolo ” Se lasciassimo parlare gli autistici “. Ascolta una testimonianza simile alla sua storia. E scoppia in lacrime. Questo sarà l’inizio del suo percorso diagnostico. Secondo Luc, le persone disabili e le persone normali sono separate da un muro. ” Apparteniamo tutti alla stessa specie e dobbiamo prenderci del tempo per capire e comprendere. Entrare nel mondo della disabilità è un percorso che necessità di piu’ umiltà “.

 Tradotto e riadattato da Mondo Aspie, fonte placegrenet.fr
 
 
Annunci

4 Comments on “Autismo: Luc, autistico Asperger, lavoratore e padre di famiglia

  1. Bene per Luc! La diagnosi ci porta a comprenderci meglio. Lo è stato anche per me e la mia famiglia.
    Milena

    Mi piace

  2. La storia di quest’uomo mi ha quasi commosso.
    Solo chi la vive sa quanto è difficile.

    Mi piace

Lascia un commento se ti va :

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: