Persone Asperger : “ imparano per imitazione e decodificazione “

In Quebec, la sindrome di Asperger è considerata come un disturbo dello sviluppo e non come una psicopatologia associata alla salute mentale. La dott.ssa Isabelle Hénault, sessuologa, psicologa e direttrice della clinica Autismo e Asperger a Montreal, è madrina dell’ associazione Actions pour l’autisme Asperger. Ha pubblicato La sindrome di Asperger e la sessualità: dalla pubertà all’età adulta ( Jessica Kingsley Publisher, London ).

LE FIGARO. – In Quebec, il vostro paese di origine, qual’è la situazione riguardante la presa in carico delle persone “Asperger “ ?

ISABELLE HÉNAULT. – Da circa quarant’anni, la ricerca e la formazione di professionisti che entrano in contatto con queste persone DSA ( Disturbo spettro autistico), siano essi psichiatri, educatori o insegnanti… è sempre andata avanti, cosi’ come le strategie educative molto concrete. Noi, psicologi, collaboriamo alla formazione, gli psichiatri, come i professionisti, per riconoscere questa sindrome. E sempre di piu’ stiamo avanzando nel campo clinico: ricevo in psicoterapia o in consultazione adolescenti, coppie con almeno uno dei partner Asperger; accompagnamo anche i bambini nel loro percorso scolastico. La presa in carico cognitivo-comportamentale è stata possibile grazie al riconoscimento della sindrome di Asperger come un disturbo dello sviluppo e non come una psicopatologia associata alla salute mentale. Non si tratta quindi di internare queste persone o prescrivere farmaci, a meno che ovviamente non ne abbiamo bisogno, ad esempio in caso di depressione o altre condizioni correlate ai disturbi dello spettro autistico.

Quali sono le caratteristiche di queste persone ?

Nello spettro autistico, sono in una fascia estrema, quella dell’ “alto livello cognitivo “. Non hanno disabilità intellettive e molti di loro hanno abilità speciali, un modo originale di vedere il mondo. Abbiamo molti artisti e informatici qui e cerchiamo di trovare il potenziale di ognuno. Cio’ che li caratterizza è indubbiamente l’importanza che attribuiscono ai dettagli, il vocabolario elaborato e la loro difficoltà nella conversazione e nella gestione emotiva… Ma queste caratteristiche nono sono sufficienti per individuarli, come credono invece troppi psichiatri. Solo rigorosi questionari, consentono la valutazione e la diagnosi.

Cioè ?

Immaginiamo un paziente che si rivolge a uno psichiatra. E’ in grado di guardarlo negli occhi, e se, alla domanda “ voi preparate l’albero di Natale in famiglia ? “, risponde positivamente, lo psichiatra penserà “ non puo’ essere Asperger “, dimostra socievolezza. In realtà, se lui gli avesse domandato, “ Perchè e come organizzate un pranzo di Natale a casa vostra ? “ , avrebbe ottenuto come risposta che non lo fa con piacere,  ma imita gli altri perchè vede che tutti fanno cosi’. Questo tipo di comportamento è caratteristico delle persone Asperger: per funzionare nella nostra società, hanno bisogno di una sceneggiatura precisa. Le abilità sociali non sono spontanee. Apprendono per imitazione e decodificazione. Quindi sono essenziali test specifici per riconoscerli.

La cosa incredibile, è il numero di persone che vengono da lei per una consultazione e chiedono “ sono Asperger ? “. Come lo spiega ?

Negli adulti Asperger, forme leggere del disturbo sono molto comuni. Spesso queste persone hanno un congiunto, un lavoro e vivono “ camuffando “ i loro tratti. Ma al momento di una crisi della vita, durante una transizione in particolare, vacillano sotto il risorgere di alcuni tratti. Lo studente ventenne che si sta avviando verso una professione, o un Asperger appena divorziato che si fa cogliere dall’ansia o dalla depressione. Ricevo sempre piu’ spesso, donne, diagnosticate come bipolari o con disturbo della personalità che cercano delle risposte .

Tradotto e riadattato da Mondo Aspie

Fonte: lefigaro.fr

Test di valutazione: La Scala Australiana della Sindrome di Asperger (ASAS)

La Scala Australiana della Sindrome di Asperger (ASAS) interessa i bambini della scuola elementare. Questo strumento è stato tradotto in francese da Chantal Trehin. Si compone di 6 blocchi e 29 domande. Ogni domanda è valutata da 0 (raramente ) a 5 (spesso), tranne le ultime 5 domande a cui bisogna rispondere SI o NO.

raramente                                       spesso

0                     1   2   3  4                   5

 A. Competenze  sociali eemozionali                                                                                                                                                                                                                       

1) Il bambino ha difficoltà a capire come deve giocare con gli altri bambini ?

0 1 2 3 4 5

2) Quando il bambino potrebbe giocare  con gli altri bambini, evita il contatto sociale con loro ?   

0 1 2 3 4 5                                                                                                                                         

3) Il  bambino da l’impressione di non avere coscienza delle convenzioni o delle regole sociali ?

0 1 2 3 4 5

4) Il bambino manca d’empatia, cioè la comprensione intuitiva dei sentimenti degli altri ? 

 0 1  2 3 4 5

5) Il bambino sembra aspettarsi che gli altri conoscano i suoi pensieri, le sue esperienze, le sue opinioni?

0 1 2 3 4 5                  

6) Il bambino ha un bisogno eccessivo di essere rassicurato soprattutto se le cose cambiano o non vanno bene ? 0 1 2 3 4 5 6

7) Il bambino manca di sfumature nella sua espressione emozionale ?

0 1 2 3 4 5

8 )  Il bambino manca di precisione nella sua espressione emozionale?

0 1 2 3 4 5

9) Il bambino non manifesta interessa a partecipare a sport, giochi o attività competitive ? Il grado 0 significa che il bambino si diverte negli sport

0 1 2 3 4 5

10) Il bambino è indifferente alla pressione sociale dei suoi coetanei (deve amare le stesse cose…) ? Il grado 0 significa che il bambino segue le mode

0 1 2 3 4 5

B. Competenze di comunicazione

11) Il bambino  prende le espressioni e i commenti alla lettera ?

0 1 2 3 4 5

12) Il bambino ha un tono di voce inusuale ?

0 1 2 3 4 5

13) Il bambino da l’impressione  che quando gli si parla non è interessato alla conversazione ?

0 1 2 3 4 5

14) Durante una conversazione, il bambino tende  ad utilizzare il contatto oculare meno di quanto ci si aspetterebbe ?

0 1 2 3 4 5

15) Il linguaggio del bambino è troppo preciso e pedante ?

0 1 2 3 4 5

16) Il bambino ha dei problemi ad adattarsi ad una  conversazione?

0 1 2 3 4 5

 

C. Competenze congnitive

17)  Il bambino legge dei libri, principalmente  per istruirsi e informarsi e non sembra interessato alla finzione ?

0 1 2 3 4 5

18) Il bambino ha una memoria a lungo termine eccezionale per i fatti e gli avvenimenti ? 

 0 1 2 3 4 5

19) Il bambino manca di gioco sociale immaginativo?

0 1 2 3 4 5

D. Interessi specifici

20) Il bambino è affascinato da un soggetto in particolare al punto da collezionare con avidità le informazioni  che lo riguardano?

0 1 2 3 4 5

21) Il bambino è particolarmente perturbato dai cambiamenti  di routine o delle sue aspettative ?

0 1 2 3 4 5

22) Il bambino ha delle routine o dei rituali elaborati che deve rispettare ?

0 1 2 3 4 5

E. Competenze motorie

23) Il bambino ha dei problemi di coordinazione ?

0 1 2 3 4 5

24) Il bambino corre in modo bizzarro ?

0 1 2 3 4 5

F. Altre caratteristiche (rispondere si o no) 

25) Paure e angosce inusuali causate da :

  •  suoni ordinari
  • un contatto corporale leggero sulla pelle o sulla testa
  • portare certi vestiti
  • rumori improvvisi
  • la vista di certi oggetti
  • i luoghi rumorosi dove c’e’ molta gente

26) Una tendenza a battere le mani o a dondolarsi in caso di eccitazione, paura  o angoscia

27) Una sensibilità poco importante per i piccoli dolori

28) Un ritardo nell’apparizione del linguaggio

29) Smorfie o tic facciali  inusuali

Se la risposta e si nella maggior parte delle domande della scala  , e il punteggio è compreso tra 2 e 5 , il bambino deve essere indirizzato in un centro diagnostico per la Sindrome di Asperger.  

Source: Attwood, T., et Garnett, M. (1998) Australian Scale For Asperger’s Syndrome in T. Attwood (ed.) Asperger’s syndrome: a guide for parents and professionals. London and Philadelphia Jessaica Kingsley Publishers

 Tradotto  e riadattato da Mondo Aspie, articolo originale aba-autisme.fr