Sindrome di Asperger: L’arte per demistificare l’autismo

lucila guerrero asperger e arteLucila Guerrero e suo figlio Luka di 8 anni hanno molto in comune, oltre ad avere entrambi la sindrome di Asperger condividono una passione per l’arte.

La signora Guerrero è una ex programmatrice informatica, che si occupa di fotografia e pittura numerica. Una passione che ha scoperto quando era incinta, otto anni fa. Suo figlio si dedica al disegno digitale e all’animazione video.

“L’arte ci permette di comunicare. Spesso facciamo passeggiate fotografiche insieme. Abbiamo una visione molto personale della stessa realtà ” spiega.

Oltre a tessere legami fra loro, questo percorso artistico aiuta suo figlio ad accettarsi. Perché come gli individui, ogni opera è unica.

” Cerco di spiegargli che non esistono regole nell’arte, ogni disegno rappresenta cio’ che lui sente ” dice la signora Guerrero.

Stessa cosa per le sue opere, che sono il riflesso dello sguardo differente che posa sul mondo che la circonda, dice.

” Ho la tendenza a concentrarmi sui dettagli  e i giochi di luce. Sono affascinata da questi elementi. E questo traspare dalle mie foto. Ho anche un pensiero logico e molto analitico. Che non si ferma mai !. E rimetto sempre tutto in discussione. Pero’ nello stesso tempo, a volte  mi scoraggio perché scopro che ci sono tante cose che non funzionano ( come dovrebbero ) e questo mi rattrista “.

” Comunico a modo mio attraverso l’arte. Pero’ ho dei dubbi, non so se gli altri sono in grado di capire ( quello che cerco di esprimere ). Per questo, aggiungo sempre delle didascalie alle mie foto. Mi trovo a mio agio con la scrittura “, spiega.

Ti potrebbe interessare anche: Lucila Guerrero: La sindrome di Asperger, foto e grafismo

Il sito di Lucila:  www.lucilaguerrero.com.

La pagina Facebook di Lucila

Tradotto e riadattato da Mondo Aspie, fonte Journalderosemont.com

Annunci

Lucila Guerrero: La sindrome di Asperger, foto e grafismo

Lucila Guerrero sapeva di essere differente dagli altri. Due anni fa, è arrivata la diagnosi.

Ha la sindrome di Asperger, un disturbo legato all’autismo. Per lei, l’annuncio è stato un sollievo. Puo’ infine dare un nome a cio’ che la distingue dagli altri.  

Originaria del Peru’, Lucilla Guerrero è arrivata a Montreal 11 anni fa. Rapidamente, ha imparato a scrivere e parlare il francese. Ha lavorato come programmatrice di software poi, nel 2004, durante la maternità, ha scoperto una passione: le arti.

“Dovevo restare sdraiata a casa. Cosi’ ho cominciato a fare foto. Tutto quello che trovavo bello lo fotografavo. Ero affascinata dai tutti i piccoli dettagli della natura e dai riflessi della luce”, ricorda la signora Guerrero, che all’epoca non sapeva di portare in grembo un bambino autistico.

Esprimere l’autismo

Come molte persone autistiche, Lucila Guerrero non ha nulla che all’apparenza lascia immaginare che abbia la sindrome di Asperger.  Tuttavia, l’artista ci confida che deve fare  sforzi notevoli  per interagire con gli altri.

“Le mie difficoltà si manifestano soprattutto nella comunicazione. Non capisco il senso delle espressioni. Non riesco a distinguere, per esempio, se qualcuno mi fa uno scherzo oppure parla seriamente”, ci spiega.

Come artista, vuole essere coinvolta nella diffusione per far capire l’autismo.

Oggi, attraverso la fusione della fotografia, del grafismo e della pittura numerica, l’artista vuole dare un altro sguardo sull’autismo. Attraverso le sue opere, Lucila guerrero racconta la sua differenza. Ha anche scritto un libro che parla della sindrome di Asperger attraverso la maternità. E’ in contatto con una casa editrice e spera di proseguire di questo passo e poterlo pubblicare presto.

“Percepiamo il mondo in una maniera differente. Le persone che non sono autistiche hanno una visione globale, mentre io, per esempio, ho una visione per i dettagli, per le piccole cose”, ci confida la signora Guerrero, che non ha nessuna formazione in fotografia.

Capire la differenza

La sua diagnosi è avvenuta attraverso suo figlio. A l’età di due anni, Luka rifiutava di parlare con le persone… tranne che con la mano di sua madre.

“Non voleva essere chiamato per nome. Rispondeva solo se la mia mano lo chiamava Train Bleu. Per Luka, la sua mamma era la mano”. racconta la signora Guerrero.

Preoccupati per il comportamento del loro figlio, la famiglia Guerrero si è recata presso un pediatra per spiegargli la situazione. Poi, discutendo, il medico si è reso conto che il comportamento del bambino presentava molti tratti correlati all’autismo.

“Quando ho saputo che Luka era autistico, ho incominciato a fare delle ricerche. Piu’ scoprivo delle cose e piu’ mi riconoscevo nei tratti dell’autismo”, racconta l’artista .

Tuttavia, solo nel 2010, all’età di 42 anni gli hanno diagnosticato la sindrome di Asperger. Per Lucilla Guerrero, quello è stato il momento in cui ha cominciato ad accettarsi per quella che è, riconoscendo i suoi talenti piuttosto che le sue lacune.

” E’ stato un sollievo per me. Ho trovato le risposte a tutte le domande che mi ponevo. Spesso mi criticavano perchè ero una persona isolata” racconta Lucila Guerrero.

Per funzionare bene, la signora Guerrero e suo figlio hanno orari precisi che seguono alla lettera.

“Il vantaggio è che riesco a capire meglio come si sente. Funziona con una routine, e questo ci permette di avere dei punti di riferimento”.

La signora Guerrero ci dice che l’autismo non è una  malattia ma una condizione di vita. Attraverso le sue foto, le sue pitture numeriche e il suo futuro libro vuole dimostrare che malgrado le differenze, una persona autistica ha del talento.

Il sito di Lucila Guerrero

Foto tratte dalla pagina FB di Lucila Guerrero

Articolo tradotto da Mondo Aspie, tratto dal sito Progrès Saint Léonard