Autismo carriere: Il potenziale non sfruttato delle persone con la Sindrome di Asperger

La società e il mercato stanno scoprendo poco a poco che potrebbero approfittare di una peculiarità degli autistici, in particolare quelli con la Sindrome di Asperger: la loro estrema meticolosità. Alcuni settori economici, soprattutto l’informatica stanno aprendo le porte agli autistici, e in particolare agli Asperger, e Albert Einstein era uno di loro. Il motivo: Gli “Aspie” hanno difficoltà nelle interazioni sociali e si destabilizzano facilmente nelle situazioni impreviste, ma in materia di perseveranza, di meticolosità e attitudine a reperire gli errori e le anomalie, sono spesso piu’ abili di quelli che vengono soprannominati i “neurotipici” ( le persone normali). Anche se in certi settori hanno già capito che potrebbero trarre profitto dalle qualità degli autistici per migliorare  i loro prodotti e i loro servizi, le competenze degli Asperger restano ancora molto sconosciute e scarsamente utilizzate. E’ cio’ che afferma Judith Sitruk, che li aiuta ad entrare con successo nel mondo del lavoro: ” Quando hanno la possibilità di lavorare nel campo che prediligono e di loro competenza,  e se l’ambiente circostante tiene conto delle loro particolarità e caratteristiche, sono in grado di svolgere eccezionali quantità di compiti lavorativi, di una qualità notevole. Il progetto Opportunità Asperger dell’Associazione Compagnie des TED ( Disturbi pervasivi dello sviluppo), dove lavora Judith Sitruk, sottolinea che i settori potenziali “Aspie-compatibili” sono numerosi: disegno tecnico, contabilità, ricerche, traduzioni, meccanica di precisione, controllo qualità… ” Ho avuto l’occasione di accompagnare un apprendista cuoco autistico, racconta Juditk Siruk, e come ha potuto constatare lo chef era completamente sfasato in caso di “imprevisto”, ma è riuscito a confezionare 500 tartine tutte identiche e impeccabili, e provava un piacere profondo nel farlo”. Rigore e perfezionismo nei loro campi preferiti sono dei tratti che questi autistici sembrano avere in comune, al di là della loro individualità. ” Il deficit degli Asperger, è l’implicito (che non è espresso a chiare lettere), riassume Annie Raymond, madre di un giovane Asperger di 18 anni. Il loro bisogno di esplicito (chiaramente espresso)  è assoluto. La conoscenza iperdettagliata del sistema e delle regole e per loro l’unico modo di rendere il mondo comprensibile e di progredire”. Questa particolarità sarebbe legata al sistema cognitivo degli Asperger: L’elaborazione delle informazioni sensoriali è molto perturbato negli Asperger, sia ipersensibili che iposensibili, precisa Evelyne Thommen Professoressa all’EESP di Losanna.” Alcuni autistici sono in grado di individuare elementi che noi non siamo capaci d’identificare, come i quarti di tono nella musica,  alcune sfumature di colore oppure figure nascoste in grafici complessi. Mentre i neurotipici hanno un pensiero globale, in virtu’ del quale il tutto è la somma delle sue parti, l’autistico invece pensa in dettagli  e per lui, il tutto non è la somma delle parti”.

Altre particolarità: Gli Asperger avrebbero un deficit della ” Teoria della Mente”. Gli mancherebbe dunque la capacità d’identificare i sentimenti degli altri, e quindi l’effetto che hanno su di loro. Un deficit molto invalidante, data l’importanza delle interazioni sociali per essere accettati. Una formazione specifica per fare apprendere a memoria il repertorio delle espressioni e il loro significato rispettivo: guardare l’interlocutore negli occhi, dire buogiorno, in breve ” Ungere le ruote”. Questo adattamento che comporta un’impressionante memoria a lungo termine capace di immagazzinare grandi quantità di dettagli, e senza dubbio la strategia compensatrice adottata spontaneamente da molto tempo dagli Asperger non diagnosticati, che hanno trovato il loro posto in alcune nicchie professionali. “Quelli che sono stati ben sostenuti da un insegnante o un mentore senza essere diagnosticati hanno avuto a volte delle carriere indipendenti o nella ricerca , conferma Evelyne Thommen. Le loro competenze, fanno passare in secondo piano l’inadeguatezza relazionale”. Ma gli Asperger che si realizzano senza avere una diagnosi, o gli autistici eccezionalmente brillanti come Daniel Tammet o Temple Grandin, non devono far dimenticare tutti quelli che stanno lottando OGGI perchè non sono stati diagnosticati in maniera adeguata. ” Attualmente, non tutti gli Asperger adulti sono impiegabili, sottolinea Judith Sitruk. Molti di loro hanno avuto un percorso difficile. E’ in piu’ hanno vissuto l’esclusione, le molestie, gli abusi senza aver avuto modo di difendersi durante il loro percorso scolastico, perchè non sono stati sostenuti correttamente sulla base del loro potenziale e delle loro attitudini. Queste persone devono prima ricostruirsi”. Gli specialisti sono d’accordo oggi, sui vantaggi di una diagnosi precoce che permetta di mettere in atto una presa in carico individuale, col fine d’identificare il prima possibile le potenzialità del bambino. “Le persone che soffrono potrebbero guadagnare molto sulle loro difficoltà e potrebbero migliorarsi se si mettesse un nome alla loro condizione”, spiega Véronique Zbinden Sapin, professoressa all’ Haute Ecole di Friburgo del lavoro sociale. “I professionisti, pediatri e insegnanti, psicologi, logopedisti e psicomotricisti che lavorano nei servizi scolastici dovrebbero conoscere meglio questa sindrome. Su questo piano, come anche per l’integrazione e l’utilizzo del potenziale degli autistici, il lavoro da fare resta enorme”.

I genitori dei bambini autistici, oggi sono soli e devono regolarmente confrontarsi con l’ignoranza e la mancanza di flessibilità degli ambienti medici e scolastici. Risultato: diagnosi sbagliate e tardive, una penuria di sostegno e rigidità delle istituzioni educative, che faticano a confrontarsi con questi bambini particolari. Temple Grandin con il suo modo franco di parlare ha detto: “Senza di noi, le arti e le scienze non esisterebbero. Se l’autismo fosse stato cancellato dalla superfice terrestre, gli uomini starebbero ancora a parlare intorno ad un fuoco di legna davanti all’ingresso di una caverna. Alcuni pensano che l’umanità debba la scoperta del fuoco ad un autistico “.

La sindrome di Asperger in 5 punti

– Forma di autismo senza deficit intellettuale ne ritardo del linguaggio che fa parte dei disturbi pervasivi dello sviluppo.

– Disordine dello sviluppo di origine neurobiologica che colpisce piu’ i maschi delle femmine.

– Sindrome  che causa difficoltà nelle interazioni sociali.

– Descritta per la prima volta nel 1943 dal pediatra viennese Hans Asperger, e  valorizzata dalla psichiatra Lorna Wing nel 1981, riconosciuta ufficialmente nel 1994 dal DSM IV ( manuale diagnostico dell’associazione psichiatrica americana).

– Prevalenza: da 1 a 250 su 10.000 bambini. 1 bambino su 300 secondo le stime .

Asperger famosi

Albert Einstein, Glenn Gould, Bill Gates, John Forbes Nash, Wolfgang Amadeus Mozart, Ludwig Wittgenstein, Marie Curie, Georg Mendel, Béla Bartok…

Imprese che impiegano persone con la Sindrome di Asperger

– Asperger Informatik, Zurigo

– Passwerk, Berchem, Belgio

– Specialisterne (DK, GB, CH, IS, A, USA)

Tradotto e riadattato da Mondo Aspie,  fonte Largeur.com

Annunci

4 Comments on “Autismo carriere: Il potenziale non sfruttato delle persone con la Sindrome di Asperger

  1. mio figlio ha 14 anni ha imparato a suonare la chitarra da solo .e il piano ha una potenziale della lingua inglese .la sua prof ed io lo scriviamo un concorso di inglese
    stà al 2 superiore informatica telecomunicazione di rete .e bravissimo al pc

    Mi piace

  2. Il mio fratellone è un Asperger, da solo come autodidatta ha imparato a suonare 10/12 strumenti musicali, è appasionato di modellismo (treni), con me ha imparato l’amore per la montagna ma ora vuole andare sempre da solo e cammina, cammina, cammina senza fermarsi finchè non è arrivato alla meta. Ha imparato da solo 4 lingue straniere e le sa parlare e scrivere perfettamente. Non ha amore per la tecnologia però, preferisce le cose vintage, originali, meccaniche…il problema è che non tollera di poter sbagliare e si autopunisce, dopo aver emesso dei rantoli strazianti, lì mi fa un po’ paura….come devo comportarmi ?

    Mi piace

Lascia un commento se ti va :

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: