Autismo Francia: ” Lunatic “, la rivista pubblicata da studenti Asperger

rivista scritta da Asperger lunaticOtto studenti del college Montmorency, di cui cinque con la sindrome di Asperger, hanno lanciato la rivista Lunatic alla fine di novembre davanti ad un centinaio di persone riunite nella Sala André-Mathieu.

” Ho suggerito il termine Lunatic , perché questa parola è stata utilizzata a lungo per descrivere le persone che sono differenti, ci racconta  Élise Robert-Huet, che ha avuto l’idea di creare questa rivista a settembre. Siamo andati a un passo alla volta. Ho incontrato delle persone straordinarie ! ”

La rivista verrà pubblicata una volta a semestre. A ogni sessione, sarà formato un comitato di redazione inquadrato dall’equipe del servizio di aiuto e di Apprendimento della scuola. In questo momento a Montmorency ci sono 21 studenti Asperger rispetto ai 3 del 2009.

I partecipanti

” Come i miei compagni che fanno parte del progetto, amo molto scrivere, dice Alexandre Dalpé. Mi interessa capire in che cosa consiste l’edizione, perché un giorno vorrei pubblicare dei libri, soprattutto di genere Fantasy “.

” La mia sorellina è un autistica ad alto funzionamento, commenta Marianne El-Sabbagh. E’  importante la mia partecipazione a questo progetto, per trasmettere questa realtà alle  altre persone “.

” Ho partecipato per incontrare altre persone e creare dei legami, per allargare i miei orizzonti “, dice  Nicolas Lavoie-Zhao.

” Ho sviluppato l’aspetto visivo per rendere gli articoli il piu’ possibile accattivanti “, dichiara Anthony Lemieux, studente in tecniche di architettura.

Una buona organizzazione

Il consulente orientativo  ha incaricato il capo redattore dal primo numero. Ogni ragazzo ha il compito di redigere un documento sulla sua piu’ grande passione. Nel compito è stato aiutato da tre studenti senza Asperger e dalle coordinatrici del progetto Chantal Courtemanche e Marian Fortier.

” All’inizio non conoscevo la sindrome spiega Marilène Blanchette. Ho lavorato molto per coordinare e organizzare il gruppo. Vale la pena di conoscere queste persone. E’ una delle migliori esperienze che ho vissuto ! “.

” Abbiamo imparato dalle nostre differenze, a comunicare meglio e a lavorare in gruppo ” , dice Sarah Djimani.

” Ho chiesto di partecipare, perché conoscevo alcuni ragazzi del gruppo e perché amo scrivere racconti dell’orrore ” aggiunge Jeremy Roberts.

La sindrome di Asperger

Ricordiamo che la sindrome di Asperger rientra nei disturbi dello spettro autistico. E’ caratterizzata da difficoltà significative nelle interazioni sociali, associate a interessi ristretti e comportamenti ripetitivi. Il linguaggio e lo sviluppo cognitivo, tuttavia sono relativamente preservati in rapporto agli altri disturbi autistici. Questa sindrome che colpisce 8 ragazzi rispetto a una ragazza,è rappresentata tra il 15 e il 20% dei disturbi dello spettro autistico .

Tradotto e riadattato da Mondo Aspie, fonte: Courrierlaval.com

Autismo: Ragazzo autistico escluso dal college con l’aiuto della polizia

Francia, Settembre 2012

Dei poliziotti, chiamati dalla preside del college di Lione (Rodano), hanno obbligato un ragazzino autistico ad uscire dalla scuola che frequentava, nonostante fin dall’inizio la sua scolarizzazione sembrava non avere problemi.

Il ragazzo di 13 anni, che ha le competenze accademiche per seguire i corsi nell’istituto  con l’aiuto di un ausiliario alla vita scolastica, è stato diretto dalla Casa Dipartimentale delle persone handicappate (MDPH) verso un Istituto Medico-Educativo (IME), sotto la pressione della Pubblica Istruzione.

Il padre del ragazzo parla di questo triste episodio:

” Ero con Tim stamattina alle 10 a scuola. Siamo stati ricevuti dalla preside e 2 poliziotti in borghese. Ci hanno chiesto di uscire, e io mi sono rifiutato perchè Tim non è registrato da nessuna parte ed il suo posto è li. Poi ho chiesto un documento scritto, e dopo un rifiuto, ho comunicato che avrei lasciato l’istituto solo con l’uso della forza ( senza buttarmi al suolo), e non avrei forzato mio figlio a lasciare la scuola. Ho detto che qualcuno doveva assumersi delle responsabilità. Nel frattempo Tim si è diretto verso la sua classe, seguito dal suo sostegno, e quando ci hanno chiesto di uscire si è buttato per terra. Il sostegno ammirevolmente è riuscito a calmarlo e a farlo sedere nell’atrio della scuola con l’aiuto di alcune schede di lavoro. Un gionalista freelance del Progrès ha assistito alla scena e subito dopo ho avuto un colloquio con lui. Quando ho visto che Tim aveva accettato di uscire tranquillamente, l’ho accompagnato con i due poliziotti che ci seguivano ! Gli allievi e i professori sono scioccati “.

La madre del ragazzo ha iniziato uno sciopero della fame per far valere i suoi diritti.

Firmate la petizione a favore di  Tim, per aiutarlo a  tornare a scuola, Grazie !http://www.petitions24.net/aider_timothee_adolescent_autiste_exclu_de_son_college

Per saperne di piu’, e per seguire la storia di Tim qui trovate il blog della sua famiglia: http://sauvertimothee.blog.lemonde.fr/ Questo blog ospitato sulla piattaforma del giornale Le Monde è sparito misteriosamente.

Potete quindi ritrovare la storia di Tim in questo nuovo blog: http://timautiste.overblog.com/nouveau-blog-pour-sauver-timothee

Tradotto e riadattato da Mondo Aspie: Fonte, Actu-droitsenfant.over-blog.com