Ricerca: L’autismo condivide i geni dell’intelligenza superiore

autismo intelligenza superioreMarzo 2015  –  Secondo uno studio dell’Università di Edimburgo, i disturbi dello spettro autistico e l’intelligenza superiore hanno molti fattori genetici in comune. La ricerca fornisce prove che collegano fattori genetici associati all’autismo e una capacità cognitiva molto elevata nelle persone autistiche. Un  passo molto importante nella comprensione molecolare dell’intelligenza autistica presentato sulla rivista Molecular Psychiatry. La relazione tra autismo è intelligenza non è chiara anche se è stata spesso citata. Ricordiamo il film ” Rain Man ”  e questo studio di Stanford che sostiene l’ipotesi che lo sviluppo atipico del cervello nell’ autismo puo’ portare a deficit sicuramente, ma anche a capacità cognitive notevoli. Questa ricerca suggerisce che i ” geni dell’autismo ” possono conferire un vantaggio intellettuale. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori dell’Università di Edimburgo e di Queensland hanno esaminato il Dna di 10.000 che vivono in Scozia. I partecipanti sono stati successivamente sottoposti a una serie di test per misurare l’intelligenza. Ebbene, coloro che presentavano varianti genetiche legate all’autismo hanno ottenuto punteggi lievemente superiori ai test, rispetto a coloro che non avevano questi geni.  Anche se il 70 % delle persone affette da autismo presentano anche una disabilita’ mentale, alcune persone autistiche possono avere una maggiore intelligenza non verbale. Questa forma di intelligenza permette di risolvere problemi complessi utilizzando capacita’ di ragionamento che richiedono uno scarso o nessun utilizzo del linguaggio, che risulta compromesso in chi soffre di autismo. “I nostri risultati mostrano che la variazione genetica che aumenta il rischio di sviluppare l’autismo e’ associata a migliori capacita’ cognitive nei soggetti non autistici”, ha detto Toni-Kim Clarke, autore dello studio. “Cominciare a capire l’impatto sul cervello delle varianti genetiche associate all’autismo, è un passo avanti per capire la natura dell’intelligenza autistica”, ha concluso.

Tradotto da Mondo Aspie – Fonte:  Santelog, Molecular Psychiatry

Annunci

Genitori chiedono chiarimenti sulla futura figura del sostegno al Ministero della P.I. (Contiene sintesi della risposta del Ministero)

Autismo-mica-noccioline

In merito al comunicato fatto lo scorso 14 febbraio da un genitore su di un gruppo facebook, di cui è admin,  dove riferiva del suo incontro avvenuto al ministero della P.I. con il Dottor Ciambrone e con il sottosegretario Faraone, incontro nel quale il signor Fantaguzzi dichiarava  di rappresentare gli oltre 6000 iscritti al suo gruppo  facebook, ho alcune novità.
Di questa vicenda avevo già parlato in questo articolo  , preoccupati abbiamo cercato di capire se dobbiamo davvero dar credito a quel resoconto oppure il racconto non fosse fedele ai fatti per come si erano svolti,magari anche per eventuali malintesi fra le parti, quindi abbiamo deciso di chiedere spiegazioni direttamente al Ministero , o meglio alle due persone del Ministero presenti a quell’incontro .
Quindi ho scritto un’e mail , che ho chiesto di sottoscrivere ad alcuni dei tanti genitori che avevano manifestato il loro sconcerto di fronte alla lettura del…

View original post 1.708 altre parole

Autismo: Savant e sindrome di Asperger, l’arte di George Widener

autismo asperger widenerGeorge Widener ha 51 anni e la sindrome di Asperger. In tempi politicamente meno corretti alcune persone colpite da questa sindrome venivano chiamate idiots savants, idioti sapienti, poiché presentavano una o più capacità prodigiose accompagnate a una certa difficoltà nell’esecuzione di compiti semplici. Widener è una di loro. Può passare un intero pomeriggio ciondolandosi seduto sul bordo del proprio letto ma a chi domanda il giorno della settimana in cui cadeva la terza defenestrazione di Praga (23 maggio 1618) risponde senza esitazioni: «Era un mercoledì». Non lo ha studiato, lo ha calcolato lì per lì. Quello che a una persona nella media porterebbe via un paio di minuti, persino con una calcolatrice alla mano – ammesso che conosca il procedimento corretto – per lui è un no brainer. Tre anni fa il suo cervello ha battuto in una gara di velocità un ex ingegnere della NASA armato di un laptop caricato ad algoritmi. Fin dall’infanzia Widener ha sviluppato un rapporto intimo con le date. Praticamente – dice – non calcola, vede. È in grado di affermare su due piedi che giorno della settimana sarà il 9 settembre 9999 o era il 7 luglio 777,  memorizzare fatti con una precisione impressionante e ricostruire ricorrenze e analogie tra date ed eventi distanti secoli tra loro. Il caos della Storia per lui è una stanza ordinata in sette cassetti: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, sabato, domenica. In quest’ultima sconsiglia di volare: molti incidenti. Il venerdì non è un buon giorno in generale: frequenza di catastrofi. Widener è nato a Cincinnati in Ohio, secondo figlio di una coppia disastrata degli george widenerAppalachi: il padre muore giovane, la madre è un’alcolizzata con cinque figli avuti da cinque uomini diversi. La nonna – ha ricordato lui stesso in un’intervista – è stata la prima a intuire l’attrazione di George per i calendari: a 6 anni amava già combinarne le date secondo criteri di affinità numerica o coincidenze storiche. Purtroppo, per lungo tempo sua nonna è stata anche l’unica persona ad apprezzare e comprendere le peculiarità di questo talento e così, con gli anni, lo scollamento tra il caos del mondo esteriore e il suo bisogno interiore di trovare un ordine ha scavato una voragine, rendendo Widener pressoché disabile per tutta la gioventù. Un documentario della BBC di pochi anni fa ce lo mostra a Time Square, di fronte al billboard su cui scorrono gli indici del Nasdaq. È l’immagine di una persona che sta soffrendo, sopraffatta dalla sua stessa pressione compulsiva. La rapidità e la quantità di quei numeri sono troppo anche per lui, non ne regge il passo e tuttavia la necessità di sminuzzarli lo segue come un’ombra. È una sequenza che riassume tutta la prima parte della sua vita. Per la maggior parte del tempo GW non riesce a pensare ad altro che a cifre e date, così maniacalmente e intensamente che spesso gli è impossibile fare qualsiasi altra cosa. È la vecchia storia del talento che si trasforma in una maledizione. Tra i 25 e i 40 anni vagabonda, per l’America prima e l’Europa poi, sopravvivendo come può tra lavori saltuari ed elemosine. Di giorno frequenta le biblioteche e manda a memoria nozioni scovando curiose correlazioni tra eventi storici legati da fili logici invisibili a chiunque non abiti nella sua testa, mentre di notte dorme per strada o in rifugi per senzatetto. Quando ritorna a Cincinnati per tutti è un pazzo su cui pesa una frettolosa e incompetente diagnosi di anni prima. Dice “schizofrenia” e lo porta a isolarsi sempre di più nel suo mondo di calendari. Il 2000 è la data che gli cambia la vita. Uno psicologo l'arte di george widenersi interessa al suo caso: il paziente non è schizofrenico ma “soltanto” affetto da sindrome di Asperger. Widener smette di sentirsi un reietto pericoloso per sé e per gli altri e inizia a definirsi con orgoglio un “high functioning calendar savant“. Un giorno, nel 2006, incontra Kim Peek, un autistico in grado di leggere due libri contemporaneamente e ricordarli a memoria parola per parola ma incapace di vestirsi senza l’aiuto di un’altra persona. È la persona che ha ispirato il personaggio di Dustin Hoffman in Rain Man. Da quel momento Widener capisce di fare parte di una tradizione di maghi del sapere e fa una cosa che non aveva mai fatto prima: mostra a qualcuno i suoi disegni. Sono anni che ne realizza su fazzoletti di diner e bar che poi incolla gli uni agli altri per ottenere una tela completa. Domenica scorsa sono stato all’Hamburger Banhof, un importante museo di arte contemporanea di Berlino. È la quarta volta che lo visito in anni diversi ma era soltanto la prima per la persona che era con me. Così abbiamo ripercorso insieme gli spazi dedicati alla collezione Marx, che raccoglie monumentali lavori di Beuys, Warhol, Twombly, Kiefer e Rauschenberg fino alle mostre in corso dei due Martin: Kippenberg e Honert. Alla fine abbiamo salito le scale alla sinistra dell’uscita e ci siamo trovati di fronte a una sala piena di quelli che da lontano parevano antichi papiri su cui convivevano tutti i media e i registri grafici immaginabili: dagli stampi allo stencil, dalla scrittura cuneiforme fino ai caratteri digitali, e poi mappe di megalopoli immaginarie e planimetrie estremamente dettagliate di mezzi di trasporto realmente esistiti, navi e aerei. I minuscoli caratteri cuneiformi però non erano caratteri. In realtà erano numeri e date. Gli stencil non erano serigrafati, i caratteri digitali non erano stampati. In realtà erano disegnati. Tutto era insieme arcaico e futuristico. Sembrava il compendio visivo, naif ed estremamente dettagliato allo stesso tempo, di una civiltà sul punto di essere assorbita da una intelligenza superiore. In realtà era la prima mostra personale di George Widener al di fuori dagli Stati Uniti.

Fonte: rivistastudio.com

Autismo e corsa: Mikey, il mezzofondista autistico piu’ veloce degli Stati Uniti

mikey corsa e autismoMikey Branningan, diagnosticato autistico all’età di 2 anni e completamente non verbale fino ai 4 anni, ora è il diciottenne mezzofondista più veloce degli Stati Uniti. Corre talmente forte da essersi guadagnato la copertina di febbraio dell’illustre rivista Sports Illustrated. Che, nella sezione dedicata ai migliori sportivi provenienti dalle scuole superiori di tutto il Paese, lo incorona atleta liceale del mese. E’ ossessionato dal running, dai movimenti ripetitivi e dai ritmi che trova che gli permettono di concentrarsi sul suo corpo e nient’altro. E’ veloce come un fulmine ed è in grado di percorrere un miglio in quattro minuti e sette secondi.” Corro tutti i giorni, amo correre, mi rende felice. Quando sono sulla linea di partenza mi piego verso il basso, la pistola spara e via, li si deve dare tutto cio’ che si ha. Voglio solo continuare a correre e migliorare “. Ha raccontato al magazine. La sua carriera è iniziata con un club dedicato alla formazione  di persone con bisogni speciali. Oggi i suoi occhi sono puntati su concorsi di livello internazionale. E’ stato invitato dal Comitato Olimpico degli Stati Uniti per allenarsi in vista delle Paralimpiadi 2016 che avranno luogo a Rio de Janeiro, nel tentativo di fare il grande salto e preparare le Olimpiadi del 2024.

18 febbraio 2015, giornata mondiale della sindrome di Asperger

18 febbraio 2015 giornata mondiale della sindrome di Asperger

Autismo: Sacha, il violinista che non sa leggere le note

sacha autismoFebbraio 2015 – Sacha Loison, 12 anni, è un giovane adolescente violinista diverso dagli altri. Sacha non sa leggere le note e apprende la musica a orecchio.

Sabato 31 gennaio, nella sala  Frédéric-Mistral de Villeneuve, davanti a tutti i genitori degli allievi della scuola di musica Yves-Marie Bruel, Sacha ha interpretato ” Al Chiaro di Luna ” nel corso dell’audizione des Jeunes pousses, che mette in evidenza i giovani musicisti. Una prestazione che ” ci ha commosso “, ha sottolineato in una lettera indirizzata alla madre il direttore della scuola, Jean-Claude Tellene.

Questo bel biondino ha iniziato a suonare il violino da un anno e ha imparato la musica a orecchio, ” non sa leggere gli spartiti “, precisa mamma Isabelle. Perché Sacha è autistico. Ha una disabilità che non gli permette di essere scolarizzato normalmente. Frequenta l’IME (Istituto medico-educativo) les Violettes a  Bagnols-sur-Cèze, dove frequenta una classe Clis ( classe per l’inclusione scolastica ) dove i bambini apprendono nel rispetto del loro ritmo.

Una rivincita sulla vita

Questi disturbi, precisa la mamma ” non gli permettono di concentrarsi per molto tempo durante la giornata. Ma se una cosa gli piace, allora spinge sull’acceleratore ! . Come suonare il violino, uno strumento difficile.  “E’ lui che lo ha scelto. Ogni volta che passavamo davanti alla scuola di musica e sentiva suonare  i bambini , mi diceva:  anche io vorrei andare ! ” E dall’inizio non ha mai mollato. E violino sia. I suoi genitori non hanno esitato a varcare la soglia della scuola di musica.

” Immediatamente lo hanno accettato, e la professoressa Dominique Larret  l’ha preso sotto la sua ala protettrice. E’ lei che si è adattata a Sacha e non il contrario. Perché i bambini che soffrono di disturbi autistici di questo tipo non possono adattarsi, sono gli adulti che si devono mettere al loro livello. La sua maestra del centro IME ha anche rilevato un talento artistico in Sacha ” .

Fa teatro come gli altri bambini

” Il mercoledi’ mattina, fa teatro con le altre classi della scuola, come qualsiasi bambino “. Questo bambino dalla sensibilità estrema, ha trovato nell’arte la chiave per esprimere cio’ che ha dentro di sé. Questo dimostra che se prestiamo un po’ di attenzione verso questi bambini, e non li guardiamo come persone bizzarre, e li accettiamo per come sono, si possono realizzare grandi cose. Per fortuna, esistono persone che non si sono soffermano sull’etichetta ” handicappato ” .

” Una bella rivincita sulla vita che a volte dimentica che dovremmo tutti essere uguali “,  ha detto il direttore della scuola di musica. Una frase che ha commosso la mamma del giovane musicista, diverso si, ma stranamente accattivante .

Tradotto e riadattato da Mondo Aspie, fonte Midilibre.fr

Autismo: Putin ha la sindrome di Asperger, rapporto del Pentagono 2008

putin aspergerFebbraio 2015 –  Il presidente russo Vladimir Putin ha la sindrome di Asperger, “un disturbo autistico che influenza ogni sua decisione”. E’ quanto teorizzava uno studio del 2008 di un think thank del Pentagono, del quale Usa Today ha ottenuto una copia. Lo “sviluppo neurologico di Putin fu consistentemente interrotto durante l’infanzia”, ha scritto Brenda Connors, esperta dello Us Naval War College a Newport. Gli studi dei suoi movimenti rivelano che “il presidente russo soffre di un’anomalia neurologica”. Lo sviluppo neurologico del capo del Cremlino “si e’ significativamente interrotto nel corso della primissima infanzia”, forse addirittura ancora nella pancia della madre “vittima di un ictus durante la gravidanza”, ha scritto Brenda Collins, esperta della scuola navale del Rhode Island: il leader del Cremlino “avrebbe sofferto un grosso evento emisferico al lobo sinistro temporale della corteccia prefrontale” le conseguenze del quale sarebbero evidenti “nel suo modo di pensare e su come muove il lato destro del corpo”. Lo studio del 2008 e’ uno dei molti che la Collins e i suoi colleghi hanno condotto a contratto per conto dell’Office of Net Assessment, un think tank interno del Pentagono che aiuta i militari a definire strategie di lungo periodo. La Collins si e’ basata solo su video che riprendono Putin in varie situazioni e nel suo studio si precisa che una diagnosi definitiva non sara’ mai possibile senza uno scan del cervello del capo del Cremlino. A giudizio della scienziata, tuttavia, lo stile autoritario dell’ex capo del KGB e la sua ossessione per il “controllo totale” sarebbero un modo per compensare la sua condizione che a sua volta si rifletterebbe “nel suo approccio decisionista e nel modo in cui governa”. Fonte AFP , Ansa.it